Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

aversa francescana

sito di ispirazione francescana

(1142-1152) Giovanni III "Il Generoso"

E' certa la presenza di Giovanni III nel numero dei Vescovi in Aversa, per l'esistenza di un documento ricordato dal Calefati.

Se quasi oscure sono le notizie intorno l'origine di Giovanni III e la sua consacrazione a Vescovo, il suo operato, però, è riportato nell'archivio abbaziale di S. Lorenzo in Aversa, trasportato altrove.
Si asserisce, nel documento, che il suo predecessore era stato un altro Giovanni.

Orbene Giovanni III, e per doti, che certo non gli mancavano, e per essere giunto al momento giusto, riuscì a rappacificare il Vescovado col monastero di S. Lorenzo in Aversa, circa gli interessi riguardanti il lago di Patria.
L'appianamento dell'annosa questione avvenne nel 1144, nella città di Capua, in una storica assemblea, con la presenza di Ruggero, re di Napoli e Sicilia.

Per tale motivo erano stati scelti, dal re Ruggero, tre personaggi stimati nelle persone del Vescovo di Alife, dell'Abate di Venosa e del Rainaldo, abate di Montecassino.

Se vi fu qualche concessione da parte di Giovanni III, questa non rivela certo debolezza da parte sua, in quanto la Diocesi di Aversa possedeva molti beni terrieri, il suo gesto fu solo per motivi di pace e di squisita cortesia.
Anzi, Giovanni III fu ancora più generoso, poiché nella zona S.Lorenzo di Napoli, in altra occasione, donò oltre una chiesa dedicata a S.Salvatore, anche dei locali.
Soltanto contro gli errori lo si vide intransigente; infatti, i cronisti descrivevano Giovanni III nemico dichiarato di un certo Gilberto Porreo, Vescovo di Poitiers, che fu scomunicato nel 1147, durante il Concilio di Parigi, sotto il pontificato di Eugenio III.
Sorsero, in verità, prima occultamente e poi manifestamente, dei movimenti democratici che sfociarono in eresie.
Ai movimenti aderivano rappresentanti popolari a cui era stata tolta la possibilità di partecipare alle elezioni del Papa.
Se è sempre vero che dai frutti si riconosce l'albero si può essere certi che Giovanni III difese le sue pecorelle dai lupi che volevano azzannarle.

 Torna all'elenco dei vescovi 

Realizzato da Ciro Stabile 

No Copyright 2014 Sito web: www.aversafrancescana.it

Si autorizza alla pubblica diffusione