(1524-1528) Card. Ercole Gonzaga "il Dimenticato"

Il nominativo, in qualche serie di autori, viene omesso e ciò solo per un motivo logico.
Che sia esistito e che sia stato nominato alla Diocesi di Aversa è provato.
Il Gonzaga era originario di Mantova, ove viveva la nobile famiglia di cui un ramo era trapiantato in Napoli.

il suindicato, già col titolo di Cardinale, accettò di essere amministratore della sede aversana, allorché si dimise la prima volta il Vescovo Scaglione (circa il titolo di amministratore si è già discusso e chiarito precedentemente).

Intanto, E. Gonzaga era già Vescovo di Mantova e fu appunto questo il motivo per cui - dopo pochi mesi - riconsegnò la sede di Aversa allo stesso Scaglione, che la diresse ancora quattro anni.
Il Papa che nominò amministratore il Gonzaga, era Pio IV. Avendo il Gonzaga ridata la sede vescovile a Scaglione, diede motivo a qualche cronologista di escluderlo dalla serie dei vescovi aversani.
Cè chi invece rimpiange la dipartita da Aversa del Gonzaga, augurandosi che la presenza del Cardinale dava più splendore alla Diocesi aversana (restano solo pareri personali).

Si ammette, però, che l'aver affidata - per poco tempo - la sede di Aversa al Gonzaga, servì unicamente per tranquillizzare gli animi dei fedeli, che forse non sopportavano la presenza e l'operato dello Scaglione (si avverava, per costui, il detto: nessun profeta nella sua patria).

E' da sottolineare marcatamente che il Gonzaga era Vescovo mantovano, città a cui era legato per origine e di cui doveva pur renderne conto.
Altro non si può aggiungere al personaggio in discussione, non avendo la possibilità di ulteriori notizie, né la facoltà di inventarle arbitrariamente.