ESTERNO CHIESA E CONVENTO


La facciata, rivolta ad occidente, nella piazzetta Lucarelli, si presenta semplice e nobile allo stesso tempo: denota la povertà francescana delle pietre negli angoli Unita alla semplicità del vasto intonaco, e la nobiltà dello spirito gotico con l’elevatezza degli archi del portale e delle finestre laterali. Fino al 1983 si offriva con un prospetto di ibrido gusto, tra il barocco e il neo-classico. Con gli ultimi restauri, modificando il prospetto realizzato nel secondo dopoguerra, si è recuperato il portale a sesto acuto, il piccolo rosone centrale e le due monofore laterali: elementi originari che fanno pregustare la dolcezza e il verticalismo del primo gotico francescano.

Proseguendo verso il lato sud, in corso Umberto I (antica via Seggio), in alto si puo' osservare una finestra gotica riportata alla luce. Proseguendo si nota una cappella esterna, dove fino a pochi anni fa era collocato un altarino con statua del santo padovano, ora è stata riportata alla luce una porta gotica, murata nel 1700.


IL CONVENTO

Il complesso del Seggio è abbastanza grande; formatosi accanto alla chiesa, al lato nord, con a centro il chiostro con gli ambienti comunitari, attorno le celle dei frati; accanto, verso il lato est (Piazzetta S. Andrea), altri ambienti con un cortile rustico, sviluppatosi dopo il ‘600.

Il Chiostro gotico, con ampi spazi e di bell’effetto con tutti gli archi a sesto acuto, ha bisogno di urgenti lavori di consolidamento e di impegnativo restauro.

Ha la forma rettangolare. Anche se l’impianto è gotico, è stato trasformato nel Cinquecento e nel Settecento; ultimamente, con l’utilizzo dell’edificio per le Scuole Comunali (a. 1866) vi è stato costruito un piano sopra il porticato del chiostro, riducendo così l’effetto di grande spazialità e l’ampio respiro trecentesco.


Il campanile è costituito da una torre romanica con rimaneggiamenti gotici e successivi. Danneggiato da vari terremoti (ultimo 1654), è rimasto senza l’ottagono e la cuspide terminale.

Il convento e la chiesa attualmente sono chiusi per inagibilità.